Loperfido: situazione in città necessità adeguate risorse di uomini per Questura Pordenone

Emanuele Loperfido - Portavoce provinciale FdI   Emanuele Loperfido - Portavoce provinciale FdI

“Nel giro di poche ore le forze dell’ordine cittadine sono state impegnate tutta la mattina in controlli antidroga, con le unità cinofile, in un edificio abitato da extracomunitari e richiedenti asilo, e poi in massa nel pomeriggio per sedare una violenta rissa tra richiedenti asilo. E a essere impegnata è stata anche la nostra polizia municipale che ha rintracciato all'interno di edificio abusivamente occupato due richiedenti asilo risultanti avere a loro carico procedimenti per rapina e tentata estorsione. Non si può rimanere inermi ed è per questo che, tramite l’Onorevole Giorgia Meloni e il gruppo parlamentare di Fratelli d'Italia, ci rivolgeremo al Ministero per sostenere le richieste di rinfoltire il personale della Questura di Pordenone, ormai sotto organico da anni.”

Lo afferma il coordinatore provinciale di Pordenone di Fratelli d’Italia, Emanuele Loperfido, riferendosi ai recenti episodi accaduti a Pordenone.

“Non è sufficiente conferire ai sindaci il potere di emanare il Daspo se poi non vi sono sul territorio le risorse umane per farlo rispettare”, continua il coordinatore di Fdi, che è anche assessore alla sicurezza del Comune di Pordenone.

“Oltre a norme e tecnologia bisogna provvedere a dotare le questure di numero congruo di uomini e donne in divisa per il presidio e il controllo del territorio. C’è bisogno di un approccio pragmatico, non di buonismi ideologici che mettono a rischio gli equilibri sociali delle comunità locali.

 

L'Italia s'è Destra

 

Ti piacerebbe far parte della famiglia di Fratelli dItalia?

Registrati qui sotto e ti ricontatteremo!

Autenticazione

E-mail

Password

Hai dimenticato la password?
Registrazione